publiteconlineComunicazione tecnica per l'industria
Menu

Deprecated: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/inmotion/public_html/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 177

Deprecated: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/inmotion/public_html/includes/application.php on line 536

Deprecated: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/inmotion/public_html/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 177

Deprecated: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/inmotion/public_html/includes/application.php on line 536

Un approccio olistico alla manutenzione predittiva

Un approccio olistico alla manutenzione predittiva

Mitsubishi Electric presenta gli sviluppi della sua tecnologia Condition Monitoring per la manutenzione predittiva. La soluzione Kit SCM si basa sulle funzionalità di sensori add-on di tipo intelligente dotati di controllore integrato per un approccio più globale al problema del monitoraggio di macchine e impianti.

di Andrea Baty

Marzo 2017

Aumenti della temperatura di esercizio, eccessiva corrente assorbita, cambiamenti nelle caratteristiche delle vibrazioni e significative variazioni di altri parametri di esercizio possono essere indicatori di problemi che impediscono la normale rotazione delle macchine. Il Conditon Monitoring, basato sull’analisi delle vibrazioni, era un tempo una prerogativa degli esperti che lavoravano con pacchetti software dedicati (e costosi). Tuttavia, l’introduzione di sensori smart ha rivoluzionato il Condition Monitoring.
L’introduzione di sensori che offrono indicazioni più semplici sul funzionamento di una macchina usando un sistema a semaforo di allarmi luminosi, a luce rossa, ambra e verde, consente un monitoraggio a colpo d’occhio. Tuttavia, tale approccio semplicistico limita la quantità di informazioni disponibile per analisi, il che nega l’opportunità di poter formulare raccomandazioni pratiche.
La tecnologia è stata sviluppata per permettere ai sensori di monitorare una gamma completa di parametri, che permettano di interpretare queste informazioni per dare uno sguardo d’insieme allo stato di salute dell’impianto. Tale approccio ha certamente aiutato le grandi aziende produttrici (dove il costo del tempo di fermo-impianto può essere molto significativo) a pianificare la manutenzione delle risorse chiave in modo più efficace.

Fermi-impianto ridotti e disponibilità delle risorse elevata
Con la soluzione Kit SCM che usa i sensori di ultima generazione FAG SmartCheck per il monitoraggio e la manutenzione, Mitsubishi Electric va oltre. Il kit prevede un approccio integrato per il Condition Monitoring di singole risorse, e consente l’adozione di una gestione globale per il monitoraggio dello stato di salute dell’intero impianto. I sensori stessi mantengono il sistema a semaforo per l’indicazione locale di allarme della macchina, ma allo stesso tempo l’informazione da sensori multipli è trasferita, tramite Ethernet, al controllore intelligente (in questo caso un PLC Mitsubishi Electric) per un monitoraggio globale e analisi ancora più dettagliate.
Il Kit SCM fornisce una soluzione plug-and-play per il Condition Monitoring della macchina. I sensori SmartCheck possono essere aggiunti alle macchine, come e dove richiesto, con una semplice funzione di apprendimento che permette al sensore e al controllore di conoscere il normale stato di funzionamento della macchina, generando una mappatura della memoria dei parametri chiave. Una volta installato, l’SCM fornisce un monitoraggio 24/7 per ogni risorsa, con funzioni che includono il rilevamento di difetti dei cuscinetti, il rilevamento di sbilanciamento, il rilevamento di disallineamento, la mancanza di lubrificante, la misurazione della temperatura, il rilevamento della cavitazione, il riconoscimento della mancanza di fase e il rilevamento della frequenza di risonanza.
Collegare sensori multipli al sistema di controllo consente al controllore di analizzare i modelli di funzionamento che sono fuori norma, con una serie di condizioni di allarme che richiedono una determinata attenzione. L’analisi SCM fornisce una diagnostica dettagliata, offre suggerimenti su eventuali altre misurazioni da effettuare e assegna un’identificazione più precisa degli errori agli addetti alla manutenzione. Inoltre fornisce raccomandazioni sulle azioni correttive da intraprendere, con messaggi chiari presentati al personale. L’informazione può essere infine collegata in rete con sistemi di livello superiore per procedere alle analisi degli andamenti in corso delle risorse legate all’impianto.
In tal modo, SCM offre un’analisi completa della salute delle singole macchine così come una panoramica globale sulla salute dell’impianto. Il risultato migliora la manutenzione predittiva e ottimizza la gestione del ciclo di vita della risorsa. Potendo programmare la manutenzione in anticipo, i tempi di inattività risultano sensibilmente ridotti, così come le interruzioni di servizio impreviste.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Macchine

Automazione

Strumentazione

Prodotti&News

Imprese & Mercati